DHCP

Il Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP) è un protocollo che viene utilizzato per fornire un sistema di gestione centrale rapida e automatica per distribuire gli indirizzi IP all'interno di una particolare rete. Questo contiene anche diverse altre funzioni di utilità come la configurazione della maschera di sottorete appropriata, gateway predefinito e informazioni sul server DNS su un computer, o qualsiasi altra forma di dispositivo.[1]

Funzionalità

Il DHCP viene eseguito a livello applicativo dello stack TCP (Transmission control protocol) per assegnare dinamicamente gli indirizzi IP ai diversi dispositivi, oltre ad assegnare diverse informazioni di configurazione ai client DHCP. Gli utenti devono essere consapevoli che il DHCP è un protocollo client-server. Ciò significa che i server gestiscono una lista di indirizzi IP univoci già raggruppati e informazioni su diversi parametri di configurazione.

I dispositivi configurati con DHCP inviano una richiesta al server DHCP per richiedere informazioni sulle configurazioni di rete. In genere, un dispositivo trasmette una richiesta di informazioni pochi secondi dopo l'avvio. Il server DHCP risponde al dispositivo che sta facendo una richiesta fornendo informazioni di configurazione sull'indirizzo IP specificato dall'amministratore di rete. Ciò include anche tipi specifici di indirizzi IP per quel determinato periodo di tempo, che in realtà è chiamato "leasing", per l'assegnazione valida. Quindi, il server DHCP aggiorna un'assegnazione in modo che un dispositivo DHCP o un client possa richiedere gli stessi parametri, dopo di che lo stesso processo può essere fatto di nuovo.

Leasing dinamico

Un Dynamic Lease è il caso in cui il cliente non possiede necessariamente l'indirizzo IP assegnato, ma, invece, "affitta" o prende in prestito quell'indirizzo IP per quel breve periodo di tempo. Un cliente può dover passare attraverso determinate fasi per terminare l'indirizzo IP di un determinato dispositivo e collegare un altro indirizzo IP allo stesso dispositivo. Nella maggior parte dei casi, il server assegnerà un nuovo indirizzo invece di utilizzare un vecchio indirizzo IP. I tempi di locazione DHCP dipenderanno dalla particolare posizione in cui si trova l'utente. Per quanto riguarda il leasing si segue il seguente ciclo.[2]

  1. Un dispositivo otterrebbe un indirizzo IP attraverso il processo di assegnazione della richiesta di un server DHCP.
  2. Se un dispositivo ha già un indirizzo IP esistente di un contratto di locazione, dovrà aggiornare l'indirizzo IP subito dopo averlo spento, in modo che il nuovo indirizzo IP si popolerà.
  3. Una volta che il nuovo contratto di locazione è ora considerato attivo, il dispositivo/cliente è ora legato al contratto di locazione e all'indirizzo IP.
  4. Se un dispositivo sta migrando verso una rete diversa, l'indirizzo IP dinamico sarà terminato e richiederà eventualmente un nuovo indirizzo IP dal DHCP della rete diversa.

In parole povere, l'indirizzo IP di un dispositivo è legato alla rete, sia che si tratti di una rete locale o di una grande rete pubblica, come Internet.

DHCP Handshake

Quando si tratta di una stretta di mano DHCP, si seguono i seguenti passi:[3]

  1. Discover - Il client richiede a un DHCP di scoprire un messaggio per identificare i server DHCP.
  2. Offerta - Il server DHCP risponde con un indirizzo IP disponibile e le opzioni.
  3. Richiesta - Il client richiede l'indirizzo IP dal server.
  4. Riconoscimento - Il server riconosce il nuovo indirizzo IP che è stato assegnato al dispositivo in questione e completa il ciclo di handshake.

Vantaggi

Nella maggior parte dei casi, i vantaggi dell'uso del DHCP sono strettamente legati alla sua funzione principale.[1:1]

  1. Un dispositivo che deve connettersi ad una rete deve essere configurato in modo da poter comunicare correttamente con quella particolare rete. Poiché il DHCP fornisce una configurazione automatica, questa è stata utilizzata universalmente in quasi tutti i dispositivi che vogliono connettersi ad una certa rete. Questo include dispositivi come computer, switch, smartphone, console di gioco e una moltitudine di altri dispositivi.
  2. A causa della caratteristica dinamica di assegnazione IP del DHCP, le possibilità di avere lo stesso indirizzo IP, che porterebbe a complicazioni, sono drasticamente diminuite. Ciò significa anche che è più facile eseguire IP statici gestiti manualmente.
  3. Avere un DHCP renderà anche più facile gestire e manipolare una rete. Questo perché ogni dispositivo in rete ha la possibilità di ottenere un indirizzo IP utilizzando le configurazioni di rete predefinite, che dispone di un sistema automatico che genera un indirizzo IP. L'unica alternativa a ciò è dover assegnare manualmente gli indirizzi a ciascuno dei dispositivi e dei computer di quella rete.
  4. Poiché i dispositivi all'interno della rete possono ottenere automaticamente gli indirizzi IP, sono in grado di spostarsi liberamente da un dispositivo all'altro senza grandi sforzi. Questo è davvero utile quando si tratta di piccoli dispositivi portatili utilizzati sul posto di lavoro.
  5. Di solito, quando un dispositivo ottiene un indirizzo IP generato da un server DHCP, tale indirizzo IP viene gradualmente eliminato da un altro ogni volta che il dispositivo entra nuovamente nella rete.

C'è una moltitudine di diversi vantaggi dell'uso del DHCP, e certamente ci sono anche alcuni svantaggi. Tuttavia, gli svantaggi sono in realtà molto specifici e potrebbero non interessare comunque l'utente. Un esempio potrebbe essere quando un utente desidera un indirizzo IP manuale specifico. L'amministratore di rete dovrà passare attraverso una serie di processi, come il controllo della disponibilità dell'indirizzo IP, prima di assegnare al dispositivo un nuovo indirizzo IP. Ci vuole un po' di tempo per farlo, ma non è così comune. Gli indirizzi IP dinamici che stanno cambiando non dovrebbero essere utilizzati in dispositivi specifici che di solito sono fissi e non portatili, come stampanti e file server.

Anche se questi dispositivi sono di solito utilizzati da un sacco di persone in un ufficio, è in realtà abbastanza impraticabile per questi dispositivi stazionari di avere un indirizzo IP in continua evoluzione. Avere un indirizzo IP in continua evoluzione per i dispositivi fissi non farà altro che complicare le cose.


  1. https://www.lifewire.com/what-is-dhcp-2625848 ↩︎ ↩︎

  2. https://www.howtogeek.com/404891/what-is-dhcp-dynamic-host-configuration-protocol/ ↩︎

  3. https://searchnetworking.techtarget.com/definition/DHCP ↩︎