IPv6

L'IPv6 (Internet Protocol versione 6) è la versione più recente del protocollo Internet. Si tratta di un protocollo di comunicazione che fornisce un sistema di identificazione e localizzazione per computer o dispositivi su reti e instrada il traffico attraverso Internet. Questa versione di Internet Protocol è un insieme di specifiche della Internet engineering task force che è in realtà una versione aggiornata dell'IPv4. Poiché questa è l'ultima versione, viene utilizzata per identificare i diversi dispositivi su Internet in modo che possano essere localizzati. L'IPv6 è talvolta definito "Internet di prossima generazione" perché ha ampliato le sue capacità e la crescita dell'IPv6 consentirà allo sviluppo attuale di passare attraverso implementazioni più recenti e moderne su larga scala.[1] Questa versione utilizza 128 bit, a differenza della versione precedente nota come IPv4 che utilizza solo 32 bit per l'indirizzo IP.

Esistono caratteristiche di base simili tra l'IPv6 e l'IPv4. Attualmente, diversi dispositivi utilizzano l'IPv6 come indirizzo di origine e destinazione per passare i pacchetti su una rete e strumenti come il ping per i test di rete come quello che gli utenti fanno anche con l'IPv4 con variazioni minime.[2] L'IPv6 è in lavorazione da anni per far fronte alle cadute e alle cadute di indirizzi IPv4.

Funzionalità

L'ultima versione IPv6 utilizza una caratteristica speciale che si chiama auto-configurazione. Questo funziona per cercare e assegnare la configurazione dell'indirizzo IP agli host per la rete. Può essere stateful, come DHCPv6, e può anche essere stateful. Questa caratteristica speciale aiuta in un modo che permette a diversi dispositivi di una rete di rivolgersi a se stessi con un indirizzo unicast locale. È un'idea molto comune che ogni dispositivo di una rete Ethernet abbia un indirizzo di interfaccia. Il processo inizia con il router di rete che ottiene il dispositivo di rete, l'indirizzo di interfaccia prefisso o l'indirizzo fisico del Mac, e prosegue con l'aggiunta del proprio indirizzo di interfaccia prefisso. Va ricordato, in ogni momento, che l'indirizzo IPv6 ha una lunghezza di 64 bit e l'indirizzo mac di 48 bit. Quindi, ci sono 16 bit extra e questi 16 bit extra saranno aggiunti al centro dell'indirizzo mac con il FFFE per completare la funzione di auto-configurazione dell'indirizzo IPv6 del dispositivo Ethernet. In questo modo, l'IPv6 è davvero ben equipaggiato con così tante caratteristiche migliorate e opportunità illimitate, a differenza dell'IPv4.

Tipi

Di seguito sono riportati i tipi di indirizzi IPv6:

Indirizzo Unicast globale

Questo tipo di indirizzo IPv6 è unico al mondo per Internet. Questo è simile agli indirizzi pubblici dell'IPv4. È instradabile su Internet e ha 2 parti: l'ID della sottorete e l'ID dell'interfaccia.[3] Condivide lo stesso formato di indirizzo di un indirizzo IPv6 anycast. Questo indirizzo è assegnato dalla Internet Assigned Numbers Authority (IANA).

Indirizzo locale unico

Questo indirizzo ha uno scopo simile a quello dell'indirizzo privato dell'IPv4. Questo è l'indirizzo che può essere utilizzato all'interno di un'azienda in più siti. Anche questo non è destinato ad essere instradato su Internet. Questo indirizzo è la sostituzione dell'indirizzo sito-locale che consente la comunicazione all'interno del sito, pur essendo instradabile verso diverse reti locali.

Indirizzo Unicast

Si riferisce all'indirizzo IPv6 uno-a-uno. Questo significa semplicemente che l'indirizzo di pacchetti ad un indirizzo unicast è destinato ad una sola interfaccia.

Anycast

Questo è simile ad un indirizzo multicast con solo una piccola differenza. Viene usato per indirizzare i pacchetti destinati a più interfacce, ma invia i pacchetti alla prima interfaccia che troverà come definito nella distanza di routing.

Si tratta di un indirizzo privato che non è destinato ad essere instradato su Internet. Questo tipo di indirizzo IPv6 può essere utilizzato localmente da reti locali (LAN) private o temporanee per condividere e distribuire i file tra diversi dispositivi della LAN.

Indirizzo multicast

Si tratta di uno-a-molti. Con questo tipo, i pacchetti sono consegnati a tutte le interfacce che saranno identificate dall'indirizzo multicast.[4]

Confronto tra IPv4 e IPv6

Di seguito sono riportate le differenze tra l'IPv6 e l'IPv4:

Caratteristiche IPv4 IPv6
Bit Indirizzo Lunghezza 32 bit 128 bit
Configurazione dell'indirizzo Supporta la configurazione manuale e l'indirizzo DHCP Supporta la configurazione automatica e la rinumerazione degli indirizzi
Capacità di integrità della connessione end-to-end Impossibile Raggiungibile
Rappresentazione dell'indirizzo In Decimale Esadecimale
Campo Checksum Disponibile Non disponibile
Crittografia e autenticazione Non fornito Fornito

IPv4

Inoltre, l'ultimo IPv6 offre maggiori funzionalità. Semplifica gli aspetti della configurazione degli indirizzi, della rinumerazione della rete e degli annunci dei router. Semplifica inoltre l'elaborazione dei pacchetti nei router collocando la responsabilità della frammentazione dei pacchetti nei punti finali. È in grado di gestire i pacchetti in modo più efficiente, migliora le prestazioni e aumenta la sicurezza. E consente ai fornitori di servizi Internet di ridurre le dimensioni delle tabelle di routing rendendole più gerarchiche.[5]

Con questo, la rapida crescita dei dispositivi mobili, compresi telefoni cellulari, computer e dispositivi gestiti senza fili, ha creato la necessità di ulteriori blocchi di indirizzi IP, motivo per cui l'IPv6 è davvero vantaggioso in molti modi. Un miglioramento chiave rispetto all'IPv4 è il supporto nativo dai dispositivi mobili. Con l'IPv6, supporta il protocollo mobile IPv6 che permette davvero a diversi dispositivi mobili di passare da una rete all'altra e ricevere una notifica in roaming senza alcun riguardo alla posizione fisica. Il protocollo IPv6 migliora realmente l'IPv4 con misure di autenticazione e di privacy. In questo modo, l'IPv6 può realmente fornire un efficiente quadro di sicurezza end-to-end per il trasferimento dei dati a livello di host o di rete.[6] L'implementazione dell'ultimo IPv6 sta davvero crescendo in tutto il mondo. La sostituzione completa del vecchio IPv4 richiederà un po' di tempo in quanto rimane ancora la versione più diffusa e diffusa del protocollo Internet.

Storia

Recentemente, i protocolli internet che sono integrati nei sistemi moderni si basano su tecnologie più complesse e complesse che si basano sugli sviluppi del protocollo NCP (Network of the ARPANET (Advanced Research and Project Agency Network) NCP (Network Control Program). Vinton Cerf e Robert Kahn sono noti come gli antenati del TCP/IP (Transmission Control Protocol / Internet Protocol).[7] Lavorando con il TCP, l'IP è stato introdotto come datagramma che non si basava su un protocollo connesso, ma conteneva invece un'intestazione e un carico utile. L'intestazione codificava gli indirizzi di origine e di destinazione del pacchetto di dati mentre il carico utile portava i dati effettivi. Cerf e Kahn hanno lavorato con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti nel ping della prima versione principale dell'IP che è ancora oggi ampiamente utilizzata - IPv4.[8]

In particolare, l'IPv4 è stato utilizzato per la prima volta nel 1983 per la produzione nell'ARPANET. L'IPv4 è descritto nella pubblicazione IETF RFC 791 del 1981, che sostituisce una definizione precedente nel 1980. Tuttavia, il governo statunitense si è reso conto che l'indirizzo IPv4 presentava una serie limitata di indirizzi, solo circa 4 miliardi di combinazioni possibili, per i 7 miliardi di persone nel mondo e ha iniziato una versione più recente che viene ora integrata nelle reti esistenti - l'IPv6. Quando l'IPv6 doveva sostituire l'IPv4, l'IPv6 era diventato un progetto di norma per l'IETF nel 1998. Successivamente, è stato ratificato come standard internet il 14 luglio 2017.


  1. https://whatismyipaddress.com/ip-v6 ↩︎

  2. https://searchnetworking.techtarget.com/definition/IPv6-Internet-Protocol-Version-6 ↩︎

  3. https://study-ccna.com/ipv6-global-unicast-addresses/ ↩︎

  4. http://www.orbit-computer-solutions.com/types-of-ipv6-addresses/ ↩︎

  5. https://www.networkworld.com/article/3254575/what-is-ipv6-and-why-aren-t-we-there-yet.html ↩︎

  6. https://whatismyipaddress.com/ip-v6 ↩︎

  7. https://www.colocationamerica.com/blog/history-of-ip-address-part-2-tcp-ip ↩︎

  8. https://www.colocationamerica.com/ip-services/ipv4.htm ↩︎