Wi-Fi

Ai tempi di oggi, una grande maggioranza sa o ha un'idea di cosa sia il Wi-Fi. Tuttavia, il Wi-Fi è solo un nome commerciale che sta per "fedeltà wireless".[1] È considerata una tecnologia a banda larga che trasmette una rete locale senza fili (WLAN) attraverso l'uso di onde radio che producono una connessione Internet ad alta velocità senza fili e di rete. In questo modo, permette a diversi dispositivi di comunicare senza l'uso di cavi. A differenza di Ethernet, il Wi-Fi non richiede una connessione fisica via cavo tra il mittente e il ricevitore.

Il Wi-Fi è sicuramente considerato uno dei più importanti sviluppi tecnologici. E 'a causa di questo standard di rete wireless che le persone sono ora in grado di godere di tutti i vantaggi e la convenienza offerti dal facile accesso alla connessione internet. Ci sono molte applicazioni e diversi dispositivi che supportano la creazione di Wi-Fi come console per videogiochi, reti domestiche, PDA, telefoni cellulari, sistemi operativi e altri tipi di elettronica.[2]

Funzionalità

La creazione di una rete Wi-Fi richiede dispositivi in grado di trasmettere segnali wireless. Dispositivi come un telefono, un computer o un router sono in grado di farlo. A casa, un router viene utilizzato per trasmettere una connessione internet dall'esterno della rete pubblica ad una rete domestica privata o di un ufficio. Fornisce una connessione internet ai dispositivi vicini che si trovano nel raggio d'azione raggiungibile senza fili. Oltre a un router, un altro modo per utilizzare il Wi-Fi è quello di creare un hotspot Wi-Fi. Alcuni telefoni o computer possono condividere la propria connessione internet senza fili o via cavo con altri dispositivi di connessione trasmettendo il segnale.

A differenza di Ethernet, il Wi-Fi utilizza onde radio che trasmettono informazioni con frequenze specifiche, come i canali a 2,4GHz o 5GHz. Entrambe le gamme di frequenza hanno un certo numero di canali attraverso i quali possono funzionare diversi dispositivi wireless, contribuendo a distribuire il carico in modo che le connessioni dei singoli dispositivi non vengano interrotte. Questo funziona in gran parte per evitare il sovraffollamento delle reti wireless.

In genere, una portata di 100 metri è la portata tipica di una connessione Wi-Fi standard. La portata più comune è limitata a 10-35 metri. Anche la forza dell'antenna e la frequenza di trasmissione possono avere un forte impatto sulla portata effettiva della rete. La portata e la velocità della connessione internet Wi-Fi dipende dall'ambiente, sia che si tratti di una copertura interna o esterna. Così, la velocità dei diversi dispositivi che utilizzano la connessione internet del Wi-Fi aumenta man mano che il computer si avvicina alla sorgente principale, mentre la velocità diminuisce man mano che il computer si allontana dalla sorgente.[3]

Di seguito sono riportati 4 tipi principali di tecnologie Wi-Fi:

  • Wi-Fi-Fi-802.11a - questo tipo definisce la struttura e il formato dei segnali radio trasmessi dai router e dalle antenne di rete Wi-Fi.
  • Wi-Fi-Fi-802.11b - questa è una frequenza inferiore a quella del Wi-Fi-802.11a. Si tratta di un'opzione a basso costo e la portata del segnale è buona quando si utilizza un elettrodomestico.
  • Wi-Fi-Fi-802.11g - questo tipo di tecnologia è veloce nell'accesso e massima velocità.
  • Wi-Fi-Fi-802.11n - questo è stato progettato per migliorare il Wi-Fi-802.11g. La sua larghezza di banda è supportata dall'uso di più segnali wireless e antenne invece di usarne una sola.
  • Wi-Fi-Fi-802.11ac - il nuovo standard è stato rilasciato nel 2014 e funziona esclusivamente nella banda a 5GHz consentendo velocità fino a più Gbps.

Storia

Vic Hayes è stato spesso indicato come il "padre del Wi-Fi" nel 1974. Nel 1997, il Wi-Fi è stato inventato e rilasciato per la prima volta a beneficio dei consumatori.[4] Inoltre, è stata stabilita una specifica di base per il Wi-Fi. In questo modo è possibile trasferire dati in modalità wireless da un dispositivo all'altro per 2 megabyte al secondo. In questo modo, ha innescato lo sviluppo di apparecchiature prototipo, ora noto come router in grado di soddisfare i requisiti della norma IEEE802.11. Più tardi, nel 1999, il Wi-Fi è stato introdotto per l'uso domestico. Nello stesso anno, il termine Wi-Fi è stato usato commercialmente ed è stato coniato dalla società di consulenza del marchio Interbrand. Questa società di consulenza del marchio ha anche creato il noto logo comunemente usato per rappresentare le aree di accesso Wi-Fi.

Questioni comuni

Il problema comune che le persone si trovano ad affrontare da diversi anni con una rete wireless è la sicurezza. Semplifica l'accessibilità delle reti rispetto alle reti cablate tradizionali come Ethernet. Riduce la sicurezza se la rete non utilizza la crittografia. Per questo motivo la maggior parte delle reti aziendali protegge i propri dati e sistemi sensibili impedendo e impedendo l'accesso esterno. Al fine di scoraggiare gli utenti non autorizzati, la trasmissione SSID deve essere disabilitata. Un'altra soluzione è quella di consentire l'accesso alla rete solo ai computer che hanno indirizzi MAC noti.[5]


  1. https://www.digitaltrends.com/computing/what-is-wi-fi/ ↩︎

  2. https://www.lifewire.com/what-is-wi-fi-2377430 ↩︎

  3. https://www.webopedia.com/TERM/W/Wi_Fi.html ↩︎

  4. https://www.digitaltrends.com/computing/what-is-wi-fi/ ↩︎

  5. https://www.elprocus.com/how-does-wifi-work/ ↩︎